Aree interne, Tavolo istituzionale Alta Valtellina

Il percorso della Strategia d’area Alta Valtellina procede nell’attuazione degli interventi previsti.

Al fine di monitorarne l’andamento e verificare eventuali richieste di modifiche, è stato convocato dall’Assessore Sertori di Regione Lombardia il periodico incontro del tavolo istituzionale, che si terrà il 17 ottobre p.v. presso la sede del Parco Nazionale dello Stelvio a Bormio.

La riunione sarà l’occasione per una panoramica in merito allo stato di attuazione delle progettualità, di avanzamento finanziario e di aggiornamento rispetto ai molti interventi, sia per quanto riguarda le linee di finanziamento regionali (FESR e FSE), sia per le risorse stanziate a livello ministeriale attraverso la Legge di Stabilità, dedicate a Scuole e TPL.

Un’ approfondimento a parte sarà poi dedicato alle attività previste attraverso il Fondo Comuni di Confine, che concorre a sostenere le progettualità dell’area.

Tavolo Istituzionale per il monitoraggio della Strategia

Sì  è riunito il 17 maggio presso la sede della Comunità Montana Alta Valtellina, il Tavolo Istituzionale previsto dall’AdPQ di attuazione della Strategia d’Area. Alla presenza dell’Assessore Regionale Massimo Sertori e del Presidente della Provincia di Sondrio Elio Moretti, i Sindaci dei 5 Comuni interessati (Valdidentro – capofila, Valdisotto, Valfurva, Bormio e Sondalo), e il Presidente della Comunità Montana, hanno ripercorso i principali snodi e risultati progettuali fino a qui raggiunti.

In collaborazione con gli uffici di Regione Lombardia e con il Parco Nazionale dello Stelvio, sono stati verificati gli avanzamenti degli interventi,  rispetto alle diverse linee di finanziamento, sia per la SNAI che per il FCC, e ratificate alcune modifiche alle schede progetto, tra le quali l’aggiornamento dei cronoprogrammi attuativi e di spesa.

La panoramica generale ha evidenziato un sostanziale avanzamento delle progettualità che prevedono azioni di carattere infrastrutturale, in capo agli Enti del territorio, mentre maggiori criticità si stanno riscontrando per gli interventi legati alla dimensione del sociale e della formazione. L’incontro è stato infatti l’occasione per rimarcare le caratteristiche specifiche del contesto montano, che presenta peculiarità proprie non sempre rispondenti alle logiche e ai criteri previsti dai programmi di attuazione dei fondi strutturali.

Un segnale positivo, per superare tale gap, è dato dalla scelta di promuovere una riprogrammazione della scheda progettuale legata alla capacità amministrativa: un’azione pilota che, partendo dall’Alta Valtellina, potrà tracciare un percorso di interesse anche per le altre aree interne regionali e sovraregionali.

Cicloturismo in Alta Valtellina

La recente pubblicazione del primo rapporto “Cicloturismo e cicloturisti in Italia”, realizzato da Isnart-Unioncamere e Legambiente, attesta come i cicloturisti in Italia siano aumentati del 41% in cinque anni, dal 2013 al 2018.

Un incremento che corrisponde ad un valore economico pari a ben 7,6 miliardi di euro all’anno.

Dati di grande rilievo che mostrano una tendenza rispetto alla quale il comprensorio dell’Alta Valtellina da anni si sta confrontando, per posizionarsi come meta attrattiva per questa tipologia di visitatori.

In linea con questi scenari, la Strategia d’Area prevede la realizzazione di interventi che riguardano siano alcuni tratti di completamento del Sentiero Valtellina – l’itinerario ciclabile di 114 km dalle sorgenti dell’Adda fino al Lago di Como – ; sia alcuni percorsi di raccordo della sentieristica nelle Valli.

Interventi rispetto ai quali la Comunità Montana Alta Valtellina e i Comuni hanno già sviluppato le progettazioni, e che verranno attivati nei prossimi mesi.

Nel frattempo anche il Parco Nazionale dello Stelvio sta rafforzando il proprio impegno per la promozione di un turismo lento e sostenibile: in accordo con gli Enti del territorio, sta definendo un calendario di 8 date in cui i passi saranno chiusi al traffico motorizzato, per poterli fruire in bicicletta e in totale sicurezza.